Introduzione alle Antichità Greche

Nell’ antichità del Mondo Greco vi erano molti aspetti: istituzioni di carattere pubblico, religioso e privato quindi aspetti del mondo religioso e la vita privata.

Utili alla ricostruzione sono le fonti di governo, nelle quali si trovano le maggiori informazioni sulla storia Greca: sul regime monarchico, sul regime oligarchico, sulla democrazia fino all’ Impero Romano del mondo greco. Dalle origini delle prime forme di governo all’età monarchica, ci può essere anche uno studio sui vari tipi di costituzione, come funzionava una costituzione democratica e quindi come veniva regolata la convivenza tra i vari individui. Si possono studiare le magistrature, cioè i vari tipi i magistrati che erano destinati all’ amministrazione e la gestione della cosa pubblica.

Ad esempio ad Atene, vi troviamo gli Arconti. Si possono studiare le leggi e i decreti cioè le modalità di legiferare ad opera degli organi costituzionali della polis. Si può studiare l’articolazione della società, da chi era composta una società di una città greca: c’erano i cittadini di piano diritto, c’erano i residenti, gli schiavi; quindi qual era lo statuto di ognuno di loro e la suddivisione delle classi basate sul censo con cui veniva divisa la popolazione in base alla ricchezza.

Si possono studiare la finanza, la politica estera con i rapporti con gli altri Stati, tra Polis e Polis, si può studiare l’ esercito, i vari tipi di eserciti e le modalità di guerra. Si può studiare l’ amministrazione della giustizia, come funzionava la giustizia amministrativa.

Dal punto di vista dell’ ambito religioso, il culto dei greci è argomento di storia delle religioni e quindi la filosofia, i miti che sono alla base della religione greca. Tuttavia vi sono degli aspetti che possono essere campo di studio delle antichità, come ad esempio: come si svolgevano le feste religiose, i sacrifici, i matrimoni, le offerte, gli oracoli. Infatti vi erano molti aspetti misteriosi come i misteri eleusini; vi erano i sacerdoti cioè coloro che facevano funzionare l’amministrazione dei Santuari.

Nel mondo greco oltre alla religione ufficiale greca vi erano anche religioni orientali che avevano un modo di gestione differente; altra caratteristica della religione greca sono le cosiddette forme associative cioè associazioni a carattere religioso, gruppi di persone che si riunivano per il culto di una determinata divinità e quindi facevano un’associazione di cultori devoti al dio. Nella religione vi era anche lo sport e lo spettacolo: questi due aspetti erano strettamente legati al culto della divinità, si verificavano in occasione delle feste religiose di cui l’esempio più importante sono i Giochi Olimpici in occasione della festività di Zeus Olimpo nella località di Olimpia; a Delfi nel grande Santuario di Apollo gli spettacoli di recitazione, canto, sport, erano collegati al culto di Dioniso. Le feste Ateniesi, le Panatenee tenute in onore delle dea Atena con una grande processione alla dea e in quella occasione, si celebravano agoni ginnici e ippici, come ad esempio nella festività a Dioniso si celebravano le Grandi Dionisie e poi si mettevano in scena commedie, tragedie le quali avvenivano tutte intorno alla figura di Dioniso.

Nel campo della vita privata, oggetti di studio, dell’antichità, sono la famiglia, i matrimoni, la vita quotidiana, la condizione delle donne, l’educazione dei giovani nella formazione fisica e intellettuale. I vari tipi di mestieri, l’alimentazione, il commercio, l’artigianato che sono tutti gli aspetti che riguardano la vita privata. Le abitudini funerarie, sono oggetto di studio con le pratiche di culto dei morti e dei riti.

L’epigrafia è lo studio di tutto quello che è iscritto, è lo studio dei contenuti inseriti nei contesti. Data l’enormità delle epigrafi che vengono rinvenute negli scavi archeologici è impossibile fare un conteggio dato che si tratta di materiale in continuo accrescimento. Queste fonti sono alla base documentale degli studi della storia antica. Le fonti si suddividono in: letterarie, incisioni, numismatica, papiri e fonti archeologiche stesse.

Senza epigrafi la storia antica sarebbe muta, gli oggetti utilizzati ad esempio possono essere le pietre non lavorate come una rupe incisa; possono essere interi edifici scritti come ad esempio un muro nell’isola di Creta a Portina, inciso per intero contenente leggi scritte in greco risalenti al V secolo a.C., oppure l’edificio costruito dagli ateniesi all’interno del Santuario Delfico dopo la vittoria sui Persiani a Maratona nella quale si trovano le dediche su intere pareti. Si hanno anche cippi o steli di marmo o pietra lunghe e strette; anche le statue possono riportare iscrizioni così come le statue di bronzo come ad esempio una statua del dio Apollo dell’VIII Secolo a.C., con una dedica ma anche su oro. Di supporto alle epigrafi vi è la ceramica dal quale si rilevano epigrafi di vario tipo e antichità.

Simone Riemma

Studente del corso in Civiltà Antiche ed Archeologia: Occidente dell'Università degli Studi di Napoli - Orientale. Sono CEO e founder dei blog "STORIA ROMANA E BIZANTINA" assieme al mio collega dott. Antonio Palo e CEO e founder unico di "LUPIN THE 3RD - LA PATRIA ITALIANA". Le mie passioni: Storia ed Archeologia, Anime e Manga.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: