Accadde Oggi: 20 Agosto

Battle_of_Thermopylae-it.svg

480 a.C.: Battaglia delle Termopili – 2° giorno – I Greci respingono i continui assalti persiani. Quando i Persiani si ritirano nel loro accampamento, vi giunge un pastore locale di nome Efialte che informa Serse dell’esistenza di un sentiero del monte Eta che aggira il passo delle Termopili, offrendosi come guida. Serse manda con Efialte un esercito di 20.000 uomini tra cui figurano i resti del corpo degli Immortali, decimati il giorno prima.

Curiosità: Efialte è stato considerato l’archetipo del traditore della causa greca, sebbene anche altri Greci abbiano aiutato Serse. Tuttavia è proprio il nome Efialte, che in greco antico significa “incubo” (Ἐφιάλτης deriva dal verbo ἐφάλλομαι, “saltare sopra”), a essere diventato epiteto per traditore.


 

platea5
Snake_column_Hippodrome_Constantinople_2007
479 a.C.: Battaglia di Platea; battaglia di Capo Micale – I Greci guidati dallo spartano Pausania sconfiggono definitivamente i Persiani che si ritirano in Asia. Il generale persiano Mardonio muore sul campo di battaglia. Simultaneamente avviene anche una battaglia navale tra le due flotte presso Capo Micale, con i Greci che riportarono una schiacciante vittoria. In ricordo della vittoria, le armi persiane furono rifuse in una colonna serpentina di bronzo con incisi i nomi delle polis che avevano combattuto gli invasori, che fu posta presso il santuario di Delfi (fu trasferita nel 330 d.C. da Costantino nell’ippodromo di Costantinopoli, dove si conserva tuttora). Con queste due battaglie termina la seconda e ultima guerra greco-persiana.

Curiosità: a Platea combatté anche l’unico sopravvissuto dei Trecento di Leonida, Aristodemo. Considerato in patria come un codardo, si pose in prima linea contro i Persiani, morendo in combattimento. A causa della mancanza di disciplina in battaglia (azioni individuali) non gli venne riconosciuto (per la seconda volta) alcun onore.


 

800px-Muslim-Byzantine_troop_movement_(635-636).svg636 d.C.: Battaglia dello Yarmuk – Dopo un mese di scontri gli arabi musulmani hanno la meglio sull’esercito bizantino numericamente inferiore guidato dall’imperatore Eraclio. A seguito della sconfitta, i Bizantini si ritirano a nord lasciando agli Arabi il controllo di Giordania, Palestina e Siria. Tutte le reliquie sacre vengono portate via da Gerusalemme.

Addio, un lungo addio alla Siria, mia giusta provincia. Sei ora in mano agli infedeli (al nemico). Che la Pace sia con te, O Siria – Che terra magnifica sarai per il nemico. [Eraclio]


649px-Battle_of_Anchialos_(917).svg

917 d.C.: Battaglia di Anchialos – I Bulgari invadono la Tracia e sconfiggono l’esercito bizantino presso il villaggio di Anchialos. I Bulgari invadono tutta la penisola greca, ad eccezione del Peloponneso e del Bosforo, saldamente in mano bizantina. L’impero bizantino riconosce il titolo imperiale bulgaro e diviene suo vassallo (con pagamento di tributi).

 

Antonio Palo

Laureato in 'Civiltà Antiche e Archeologia: Oriente e Occidente' presso l'Università degli Studi di Napoli 'L'Orientale'. Fondatore e amministratore del sito 'Storia Romana e Bizantina'. Co-fondatore e presidente dell'Associazione di Produzione Cinematografica 'ACT Production'.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: