Novità editoriali / Gli utenti segnalano:…

Una rubrica insolita, fatta dagli utenti al servizio di altri utenti. Di seguito troverete tre libri di tema storico (quali appena usciti, altri in uscita) consigliati da Voi utenti (scrittori o semplici lettori) alla nostra Pagina FB e al nostro sito web. Qualora vogliate far conoscere il Vostro libro o un libro che vi è particolarmente piaciuto (che sia una guida, un romanzo storico, un saggio, ect.) contattateci!


6247808_408185Descrizione. “Pompei crolla”, “Pompei inaccessibile e transennata”, “Pompei ingovernabile”. Titoli di giornale, ogni giorno che passa sempre meno sorprendenti. Dietro questi titoli di cronaca c’è una storia millenaria di arte, distruzione e archeologia. Ci sono secoli di scoperte, visite, fascino e leggende. Ci sono decenni di convivenza con un territorio sempre più urbano e sempre più degradato, con una popolazione di cui sono cresciuti sia i numeri sia i problemi, con uno stato che ne ha fatte un po’ di tutti i colori. Raccontare Pompei, come cerca di fare Francesco Erbani in questo libro, è meritorio di per sé, perché illumina un luogo in cui si giocano alcuni temi fondamentali del passato, del presente e del futuro dell’Italia: la questione della gestione dei beni culturali tra emergenza e manutenzione, dell’uso e dell’abuso del territorio in un paese che ha il territorio a più alta densità di bellezza del mondo, dell’importanza del turismo come volano economico e del rischio che lo stesso turismo distrugga invece di costruire. E così via. Ma raccontare Pompei, oggi, significa anche farsi rapire dalla forza delle metafore e delle allegorie, perché la città distrutta e sepolta dal Vesuvio, ben presto, diventa in questo libro di Erbani l’Italia intera: è impossibile resistere alla tentazione di vedere i problemi e le soluzioni provate, i disastri accidentali e quelli colpevoli, il folto cast di personaggi che popola la scena (commissari e camorristi, archeologi e vescovi, artigiani e disoccupati) come la rappresentazione di un microcosmo che rispecchia perfettamente il macrocosmo italiano. Anche per questo, raccontare Pompei è necessario.

Autore. Francesco Erbani, giornalista, lavora nella redazione culturale di “la Repubblica”. Per Laterza ha pubblicato: Uno strano italiano. Antonio Iannello e lo scempio dell’ambiente (2002), L’Italia maltrattata (2002), Il disastro. L’Aquila dopo il terremoto: le scelte e le colpe (2010) e Roma. Il tramonto della città pubblica (2013). Nel 2003 ha vinto il premio di Giornalismo civile.

Note. Data uscita: 17 giugno 2015. Prezzo copertina: €14.00


 

Descrizione. L’uomo più potente di Roma, Giulio Cesare, è stato assassinato. Per le vie dell’Urbe sconvolta dal timore di una nuova guerra civile viene avvistato il fantasma del defunto dittatore. Dietro di lui un’efferata catena di omicidi. Soltanto il razionalissimo imbalsamatore di cadaveri Lart non crede allo spettro e, affiancato dal suo vanesio schiavo Silvius, comincia a indagare per dissipare i fumi della superstizione. La ricerca della verità lo porterà tra attori e senatori, maghe e ciarlatani e metterà a rischio anche le persone a lui più care. Fino all’incredibile finale.

AutoriMassimo Blasi, dottore di ricerca in Storia romana, ha ricevuto il “Premio Sapienza 2012” per il suo libro Strategie funerarie e ha pubblicato numerosi articoli sulla morte nella Roma antica. Vive a Parigi, dove lavora presso l’École Pratique des Hautes Études per dedicarsi a un tema, per una buona volta, non funerario. Laura Zadra, bibliotecaria presso il Dipartimento di Filologia classica dell’Università di Roma La Sapienza, è dottoressa in Letteratura anglo-americana. Esperta di letteratura gialla, è fra i soci fondatori della libreria romana “Suspense”, l’unica in Italia specializzata nel genere poliziesco, dove lavora attivamente.

Note. Data uscita: 18 maggio 2015. Prezzo di copertina: €4.99


 

6213003_411134

Descrizione. Ha cinque anni, Gaio Giulio Cesare, quando il padre decide di portarlo con sé per una campagna militare nelle terre da cui ha preso il suo nome: la Germania. Perché suo padre è Germanico, il più potente e acclamato generale di Roma, l’uomo che molti vorrebbero incoronare imperatore, al posto dell’odiato e temuto Tiberio. Gaio non ama il suo nome, preferisce il soprannome che gli hanno dato gli amici legionari, e che prende origine dalle calzature da soldato, le caligae, troppo larghe per lui. Quel soprannome che porterà con sé per tutta la vita: Caligola. Quando Germanico viene avvelenato a Antiochia, il piccolo Caligola giura vendetta. Ma per ottenerla capisce che il vero potere risiede nelle informazioni e impara ad attraversare non visto i corridoi dei palazzi imperiali, scoprendo trame, intrighi e congiure, di uomini e donne crudeli e disinibiti. Intraprende il percorso che lo porterà a diventare il nuovo imperatore di Roma. Con taglio moderno, senza risparmiare durezza, ritmo e violenza – come in film e serie TV di grande successo quali 300 o Spartacus –, Franco Forte reinventa il mito dell’imperatore più odiato della storia. Ma questa volta ascoltiamo la sua versione.

Autore. Nato a Milano nel 1962, Franco Forte cura le collane da edicola Mondadori (Il Giallo Mondadori, Segretissimo, Urania) ed è considerato uno dei più importanti autori italiani di romanzi storici. Molti dei suoi romanzi sono stati pubblicati da Mondadori. Tra questi i due titoli della serie ‘Il romanzo di Roma’ Carthago (2009) e Roma in fiamme (2011), i gialli storici con protagonista il notaio criminale Niccolò Taverna Il segno dell’untore (2012) e Ira Domini ‘ Sangue sui Navigli (2014) e Gengis Khan ‘ Il figlio del Cielo (nuova edizione 2014). Ha inoltre lavorato per la televisione, come autore delle serie ‘Distretto di Polizia’ e ‘RIS: Delitti imperfetti’ e dei film TV ‘Giulio Cesare’ e ‘Gengis Khan’.

Note. Data uscita: 1 giugno 2015. Prezzo di copertina: [indisponibile].

Antonio Palo

Laureato in 'Civiltà Antiche e Archeologia: Oriente e Occidente' presso l'Università degli Studi di Napoli 'L'Orientale'. Fondatore e amministratore del sito 'Storia Romana e Bizantina'. Co-fondatore e presidente dell'Associazione di Produzione Cinematografica 'ACT Production'.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: