I Calendari ad Atene

Vi erano due calendari, il primo detto Calendario Sacro che regolava la vita quotidiana, dividendo l’anno in dodici mesi da 29/30 giorni perché si basa sulle fasi lunari e non il sole, l’anno era di 354 giorni; poi vi era il Calendario Amministrativo, basta sul funzionamento della boulè, detto Pritanico o bouleotico, siccome le pritanie erano dieci l’anno era diviso in dieci parti e le prima quattro tribù rimanevano in carica 36 giorni mentre dalla quinta in poi 35 giorni.

Seguendo le fasi lunari i due calendari si arretravano rispetto l’anno solare e si perdeva qualche mese, risolsero il problema aggiungendo di tanto in tanto un mese, il cosiddetto mese aggiuntivo di Sembolinos, oppure facevano i mesi un po’ più lunghi e le pritanie duravano un po’ di più, le prime quattro 39 giorni le successive 38 giorni. Ogni 3/4 anni si applicava l’adeguamento.

CALENDARIO SACRO:

Ecatombeone, tra luglio e agosto. Si festeggiano: 7°giorno Festa di Apollo, 16°giorno “Sinècie” in ricordo del sinecismo di Teseo, 21°giorno Festa delle “Panatenee” in onore ad Athena Polias protettrice della città, poi dal 566 a.C. divise in Grandi (ogni quattro anni) e Piccole Panatenee (ogni due anni).

2° Metagitnione, tra agosto e settembre. Inizia l’anno finanziario e termina l’anno militare, Si tiene la festa dedicata ad Apollo Metagìtnio.

3° Boedromione, tra settembre e ottobre.  si festeggiava Apollo Boedromio ossia “Apollo soccorittore nella battaglia“, durante questo mese venivano celebrati i “Misteri Eleusini” dall’8° al 15° giorno.

4° Pianepsione, tra ottobre e novembre. E’ il mese della vendemmia, il 7° giorno si festeggiano le “Pianèpsie” e le “Oscoforie“, dal 6º al 9º giorno venivano celebrate le “Tesee“, dall’11º al 13º giorno si festeggiavano le “Tesmoforie” e in contemporanea si festeggiavano anche le “Apatùrie“, il 28º giorno con cadenza ogni cinque anni si festeggiavano le “Efèstie“.

5° Maimacterione, tra novembre e dicembre. Il 20º giorno, venivano celebrate le feste in onore di Zeus Maimáktes.

6° Posideone, tra dicembre e gennaio. Venivano celebrate le festività dette “Dionisie rurali“, verso la sua fine in onore di Demetra e di altre divinità di Eleusi,  veniva celebrata l'”Aloe“.

7° Gamelione, tra gennaio e febbraio. Si celebravano le feste “Gamelie“, dal 12º giorno e fino al 15° erano le “Lenee” organizzate dal Basileùs.

8° Antesterione, tra febbraio e marzo. Dall’11º al 13º giorno si tenevano le “Antesterie“.

9° Elafebolione, tra marzo e aprile. Si celebravano le feste di “Elafebòlie” in onore di Artemide Elaphebólos, al 9º giorno e per la durata di quattro giorni, si festeggiavano leGrandi Dionisie“.

10° Munichione, tra aprile e maggio. Il 16º giorno si celebrava Artemide Μουνιχία, il 6º giorno venivano celebrate anche le “Delfinie“.

11° Targelione, tra maggio e giugno.  Il 6º e il 7º giorno, si celebravano le “Targelie“, nello stesso giorno si celebravano sacrifici a Demetra Χλοη,  il 19º giorno, venivano celebrate le “Bendidie” feste in onore di Bendis.

12° Sciroforione, tra giugno e luglio. Il 12º giorno, venivano celebrate le “Scire” in onore di Demetra e della figlia Persefone, sempre in questo mese venivano celebrate le “Arreforie“, il 14º giorno nel corso delle festività “Dipòlie” in onore di Zeus Polieús veniva celebrato il rito delle Bufonie, lo stesso giorno delle feste Dipòlie venivano celebrate, ma al Pireo, anche le “Disoterie” in onore di Zeus Sotér e di Atena Sóteira.

Simone Riemma

Studente del corso in Civiltà Antiche ed Archeologia: Occidente dell'Università degli Studi di Napoli - Orientale. Sono CEO e founder dei blog "STORIA ROMANA E BIZANTINA" assieme al mio collega dott. Antonio Palo e CEO e founder unico di "LUPIN THE 3RD - LA PATRIA ITALIANA". Le mie passioni: Storia ed Archeologia, Anime e Manga.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: