Accadde Oggi: 28 Ottobre / Battaglia di Ponte Milvio (312)

 

Cian Trabucchi 728x90
Cian Trabucchi 300x250

1/1) 312 d.C.: Roma – Dopo essere sceso in Italia, Costantino si accampa sulla riva destra del Tevere, aspettando di affrontare l’imperatore-usurpatore Massenzio. Massenzio schiera il suo esercito alle spalle del fiume, e dopo aver perso le ali dell’esercito in un primo scontro, nel secondo subisce una totale disfatta che mette in rotta il suo intero esercito.

A Saxa Rubra, località a nove miglia da Roma, la cavalleria gallica dimostra la sua supremazia su quella italo-africana che componeva le schiere del figlio di Massimiano e in generale l’esercito e la fanteria gallo-romane riescono ad avere la meglio su quelle italiche. Costantino in persona si pone davanti alla cavalleria gallica e guida la carica: la cavalleria medio-armata costantiniana riesce a disorientare sia la cavalleria italica (armata pesante, meno mobile) che quella mauritana (armata alla leggera, più fragile). La carica scopre così sulle ali la fanteria di Massenzio; qui i legionari italiciani e la nuova guardia pretoriana, non dimostrando grande valore e prendendo atto di una situazione tattica sfavorevole, abbandonano le insegne e si danno alla fuga di fronte alla carica della fanteria nemica.

Nel corso della ritirata, crolla il ponte che gli ingegneri militari di Massenzio avevano costruito: tra le vittime lo stesso rivale di Costantino, che muore annegato. Costantino viene riconosciuto come unico imperatore d’Occidente; dedicò la vittoria al dio dei Cristiani e lo stesso giorno mise fine alle persecuzioni religiose.

La frase. In hoc signo vinces. (lat. «in questo segno vincerai»). – Frase con cui viene comunemente tradotto il motto grecoτούτῳ νίκα «vinci con questo» che, secondo Eusebio (Vita Constantini I, 27,31 e Hist. eccl. IX, 9), sarebbe apparso in sogno, unitamente a una croce fiammeggiante, a Costantino poco prima che dalla Gallia muovesse alla volta di Roma contro Massenzio (e dopo un sogno immediatamente successivo egli avrebbe ideato il labaro con sopra disegnato il monogramma di Cristo); secondo Lattanzio, invece (De mortibus persecutorum, 44), Costantino avrebbe avuto la visione in sogno alla vigilia della battaglia decisiva di Ponte Milvio. [Fonte: Treccani]

[X]

Antonio Palo

Laureato in ‘Civiltà Antiche e Archeologia: Oriente e Occidente’ presso l’Università degli Studi di Napoli ‘L’Orientale’. Fondatore e amministratore del sito ‘Storia Romana e Bizantina’. Co-fondatore e presidente dell’Associazione di Produzione Cinematografica ‘ACT Production’.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: