Accadde Oggi: 2 Gennaio

Espansione Alemanna con conseguenti battaglie contro i Romani
Espansione Alemanna con conseguenti battaglie contro i Romani

1/2) 366 – Gli Alemanni attraversano il Reno gelato e invadono l’Impero Romano con il seguente pretesto: gli ambasciatori alemanni inviati a corte avevano ricevuto doni di valore inferiore a quello loro dovuto, il quale costituiva un affronto; gli ambasciatori addirittura, presi dall’indignazione, li gettarono a terra, e per tale motivo subirono maltrattamenti dal magister officiorum Ursazio; quando gli ambasciatori alamanni ritornarono nei loro territori e riferirono del maltrattamento subito con considerevoli esagerazioni, essi fornirono ai loro connazionali il pretesto per invadere l’Impero, ovvero vendicare tale affronto. L’imperatore Valentiniano I (321-375) inizierà una serie di campagne militari in Gallia tra il 364 e il 375, volte a migliorare le difese della Gallia, minacciata soprattutto dagli Alemanni di re Macriano.

Cian Trabucchi 728x90
Cian Trabucchi 300x250
Bassorilievo con processione dei Compitalia. Museo Lateranense
Bassorilievo con processione dei Compitalia. Museo Lateranense

2/2) Ludi Compitalicii – Festa romana in onore dei Lari, demoni protettori dei luoghi abitati; quelli che sovrintendevano ai crocicchi erano chiamati Lares compitales (compitum era il ‘crocicchio’, da competo ‘incontrarsi con’). Dove le proprietà ‘si incontravano’, erano poste delle costruzioni a forma di piccole torri; in esse erano praticate tante aperture per quante erano le proprietà confinanti e di fronte alle aperture vi erano dei piccoli altari sui quali ciascun proprietario portava le sue offerte. Per i Lares compitales ogni anno agli inizi di gennaio, ma senza una data fissa, si celebravano i Compitali, una festa la cui istituzione era attribuita a Servio Tullio. Le famiglie dovevano portare delle gallette che servivano per un rudimentale censimento per nuclei familiari. Un altro censimento per individui, libero e schiavi, veniva fatto appendendo delle figurine (effiges maniae) per i liberi, e delle palle (pilae) per gli schiavi. Le parole esatte, con cui la festività veniva annunciata ci sono state riportate grazie a Macrobio e a e Aulo Gellio (“Die noni popolo romano quiritibus compitalia erunt”). Dionigi di Alicarnasso riferisce che veniva celebrato pochi giorni dopo i Saturnali e Cicerone ci dice che cadeva sulle calende di gennaio, ma in una delle sue lettere a Tito Pomponio Attico parla di questa festività che andava a collocarsi quattro giorni prima delle Nonae di gennaio (il che lo farebbe collocare al 2 gennaio).

Simone Riemma

Studente del corso in Civiltà Antiche ed Archeologia: Occidente dell’Università degli Studi di Napoli – Orientale. Sono CEO e founder dei blog “STORIA ROMANA E BIZANTINA” assieme al mio collega dott. Antonio Palo e CEO e founder unico di “LUPIN THE 3RD – LA PATRIA ITALIANA”.
Le mie passioni: Storia ed Archeologia, Anime e Manga.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: