Accadde Oggi: 11 Aprile / 217 d.C.: Macrino e Diadumeniano imperatori

Septimius_Severus_Glyptothek_Munich_3571/4) 146 d.C.: Leptis Magna, Africa Proconsolare – Nasce da un’abbiente e distinta famiglia appartenente all’ordine equestre Lucio Settimio Severo. Il padre, Publio Settimio Geta, proviene da una ricca famiglia leptitana di origini puniche e berbere, mentre la madre, Fulvia Pia, apparteneva alla gens Fulvia, un’illustre famiglia romana originaria di Tusculum. Lucio Settimio Severo diverrà imperatore dal 193 al 211 d.C.


 

Macrinus

2/4) 217 d.C.: Carre, Mesopotamia – Il prefetto del pretorio Marco Opellio Macrino, mandante dell’assassinio dell’imperatore Caracalla, dissimulando abilmente la sua partecipazione alla congiura e approfittando dello scompiglio riesce a farsi proclamare imperatore dall’esercito. Le truppe in precedenza avevano offerto l’Impero a Coclatinio Avvento, l’altro prefetto del pretorio, ma questi aveva prudentemente rifiutato. Macrino manda subito una missiva al Senato, chiedendone il riconoscimento e annunziando che la salma di Caracalla sarebbe stata trasportata a Roma perché le fossero rese solenni esequie. Il Senato, che odia Caracalla, non fa difficoltà a concedere a Macrino il titolo di Augusto e al figlio Diadumeniano, di soli nove anni, il titolo di Cesare, di erede designato e di princeps iuventutis. Per rafforzare la sua autorità Macrino fa donativi ai soldati e finge una postuma adozione per collegarsi alla dinastia dei Severi, dando a sé stesso il nome di Severo e al figlio quello di Antonino.

Articoli correlati: L’anarchia militare del III secolo | I 10 imperatori più effimeri della storia romana


800px-Diptych_Barberini_Louvre_OA3850

3/4) 491 d.C.: Costantinopoli – In seguito alla morte dell’imperatore Zenone, viene elevato al trono dell’Impero d’Oriente Anastasio I Dicoro, per volere di Ariadne, la vedova del defunto imperatore. Prima dell’incoronazione, avvenuta per mano del patriarca Eufemio, Anastasio firma un documento in cui dichiara la propria ortodossia (lui era – e lo sarà anche dopo – monofisita, sua madre manichea e i suoi parenti ariani).


1280px-67-manasses-chronicle4/4) 1034 d.C.: Costantinopoli – Muore assassinato (annegato) per mano dell’amante di sua moglie Zoe (l’ultima discendente della dinastia macedone), Michele Paflagonio, l’imperatore bizantino Romano III Argiro. Lo stesso giorno (tanto era il dispiacere di Zoe!) viene celebrato il matrimonio tra Zoe e Michele, con quest’ultimo che viene incoronato imperatore col nome di Michele IV. Il potere effettivo detenuto da Romano III passa nelle mani del ministro Giovanni Orfanotrofo.

[X]

 

Antonio Palo

Laureato in 'Civiltà Antiche e Archeologia: Oriente e Occidente' presso l'Università degli Studi di Napoli 'L'Orientale'. Fondatore e amministratore del sito 'Storia Romana e Bizantina'. Co-fondatore e presidente dell'Associazione di Produzione Cinematografica 'ACT Production'.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: