Accadde Oggi: 27 Aprile / 368 d.C.: istituzione del “defensor plebis”

L._Marcius_Philippus1/5) 33 a.C.: Roma – Lucio Marcio Filippo, dopo aver ricoperto per due anni la carica di proconsole in Hispania, ritorna a Roma dove celebra un trionfo per i suoi successi militari come governatore. Con il bottino delle vittorie farà restaurare il tempio di Ercole e le Muse nel Circo Flaminio.


 

2122/5) 368 d.C.: Treviri (Augusta Treverorum) – Viene creata e istituita dall’imperatore Valentiniano I la figura del defensor plebis, un funzionario di nomina imperiale preposto ad ogni città, il cui compito specifico è di proteggere gli appartenenti ai ceti più bassi dalle vessazioni dei potenti, nonché di fungere da giudice in cause civile e fiscali di minore importanza. Da Teodosio I in poi la nomina di quest’organi cittadino passera al prefetto del pretorio su indicazioni dei senati locali. Al defensor plebis spettavano inoltre poteri di polizia, il compito di formare il ruolo delle imposte e la sorveglianza sulla riscossione dei tributi.


 

180px-Arcadius_Istanbul_Museum3/5) 395 d.C.: Costantinopoli – Vengono celebrate le nozze tra l’imperatore d’Oriente Arcadio ed Aelia Eudossia. Approfittando di un viaggio del prefetto del pretorio d’Oriente Rufino ad Antiochia, l’eunuco di corte Eutropio, che aveva ottenuto il favore di Arcadio, era riuscito ad indurre questi a nozze, con la figlia del generale franco Bauto, Aelia Eudossia, che aveva ricevuto dalla madre romana un’educazione impeccabile, secondo l’uso imperiale. L’eunuco, per convincere Arcadio, aveva portato un ritratto di quella all’imperatore e, tessendo in maniera accurata le lodi, era riuscito a convincerlo.


 

ShahrbarazCoinHistoryofIran4/5) 629 d.C.: Seleucia-Ctesifonte – Il generale sasanide Shahrbaraz, dopo essere stato a lungo impegnato e sconfitto dall’imperatore d’Oriente Eraclio, si ribella all’autorità dell’imperatore sasanide Ardashir III (succeduto a Khavad II) e marcia dall’Egitto contro la capitale Ctesifonte con un’esigua forza militare composta da soli 6000 uomini, a dimostrazione della debolezza dell’Impero Sasanide ormai prossimo al collasso. Ctesifonte viene assediata ed espugnata da Shahrbaraz, che fa uccidere il giovane imperatore Ardashir III e tutti i notabili sasanidi, tra cui il primo ministro e correggente al trono Mad-Adhur Gushnap. Lo stesso generale si farà incoronare imperatore.


 

1385/5) 1097 d.C.: Costantinopoli – Le ultime truppe crociate, capitanate da Raimondo di Saint Gilles e Tolosa, giungono nella capitale bizantina e si riuniscono alle altre armate. Raimondo rifiuta, a differenza degli altri comandanti, il legame di vassallaggio che Alessio I Comneno richiedeva per i territori appartenuti al suo Impero, giungendo persino a minacciare l’imperatore di distruggere Costantinopoli.

[X]

Antonio Palo

Laureato in 'Civiltà Antiche e Archeologia: Oriente e Occidente' presso l'Università degli Studi di Napoli 'L'Orientale'. Fondatore e amministratore del sito 'Storia Romana e Bizantina'. Co-fondatore e presidente dell'Associazione di Produzione Cinematografica 'ACT Production'.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: